domenica 10 gennaio 2016

Proverbi palermitani

U immurutu nmienzu a via lu so immu un si talia
Il gobbo che va per la via la sua gobba non si guarda

Chiù scuru i menzanuotte un pò fari
Più buio di mezzanotte non può fare

Cu pratica u zoppu all’anno zuppichìa

Chi va con lo zoppo impara a zoppicare

I parenti sunnu comu e scarpi, chiù sunnu strippi chiù astruppinunu
I parenti sono come le scarpe, più sono stretti più fanno male

Megghiu u tintu canusciutu ca u tintu a canusciri
Meglio il furbo conosciuto che il furbo ancora da conoscere

U cani muzzica sempre u cchiù spaiddatu
Il cane morde sempre il più straccione

U picca abbasta e l’assai assuviecchia
Il poco basta e il troppo rimane

Ti manciasti u sceccu e ti confunnisti pa cura
Ti sei mangiato l’asino e ti confondi per la coda

Si comu u rui ri renari quannu a briscula è a mazzi
Sei come il due di denari quando la briscola è a mazze



© Giovanni Surdi
Foto: Cattedrale di Palermo - Giovanni Surdi

1 commento:

  1. Piacevolmente belli Kiddici..ummiriri nienti.
    Maurizio

    RispondiElimina